Valutazione Neuropsicologica

La Valutazione Neuropsicologica (rivolta a persone adulte e anziane) consente di descrivere e misurare i deficit cognitivi (ad esempio, disturbi di memoria, attenzione, linguaggio, ragionamento, delle funzioni visuo-spaziali, esecutive, prassiche ecc.) che conseguono a lesioni cerebrali acquisite.

Un’accurata Valutazione Neuropsicologica: fornisce informazioni importanti sullo stato cognitivo dell’ individuo e specifica le funzioni cognitive compromesse/ risparmiate; Identifica la relazione che può esistere tra i deficit cognitivi e i sintomi e le difficoltà comportamentali vissute  nella vita quotidiana; Monitora l’evoluzione dei deficit cognitivi all’interno di una determinata patologia; Contribuisce alla diagnosi medica nel caso di alcune patologie o alla diagnosi differenziale tra patologie diverse ; E’ un punto di partenza per pianificare un progetto di riabilitazione neuropsicologica cognitiva delle funzioni deficitarie  e una stimolazione dei meccanismi neuropsicologici conservati nei casi di decadimento cognitivo.

Lo psicologo esperto in Neuropsicologia Clinica si avvale di strumenti diversi:

Il colloquio utilizzato allo scopo di raccogliere informazioni sulla storia medica, psicologica e cognitiva del paziente; La somministrazione di test neuropsicologici per la valutazione dei deficit presenti nella vita quotidiana; Il colloquio con i familiari, per raccogliere informazioni ulteriori sui disturbi cognitivi e comportamentali del paziente; Il colloquio di restituzione, che ha il fine di comunicare al paziente e ai familiari l’esito della valutazione;

La Valutazione Neuropsicologica è un utile supporto per un’approfondita valutazione della patologia in particolare in ambito neurologico (Demenze tra cui, la Malattia di Alzheimer, la Demenza-fronto-temporale, la Demenza con corpi di Lewy, la Demenza vascolare, la Malattia di Parkinson, Ictus/Emorragia cerebrale, Trauma Cranico, Sclerosi Multipla).

Annunci